In evidenza

Note di regia

Helena & Glory

Helena & Glory” era più semplice per quanto riguarda la mia posizione sull’argomento trattato. Era più chiaro chi era la vittima e chi il carnefice. 
Detto questo era un film che portava all’interno le connotazioni di un film sociale, ma aveva anche un filone narrativo ispirato al giallo. Far convivere questi due generi, le loro regole e ritmi diversi è stata una delle problematiche che abbiamo affrontato sia con Pasquini e Purgatori, che firmano la sceneggiatura, sia in fase di riprese.
Tornando a quanto accennato prima su vittima e carnefice, ho cercato di non rendere mai la situazione melodrammatica, ma di fare un film vero su personaggi veri con problemi e sentimenti veri e quindi di evitare la sola rappresentazione di quest’ultimi.
La parte di azione nel film è stata impegnativa, anche per i costi produttivi, ma divertente per tutti.
Le attrici Barbora Bobulova e Hester Ortega che interpretano le due donne costrette a prostituirsi e che danno con il loro nome “Helena & Glory” il titolo al film, mi hanno aiutato a dare tutte le sfumature che spero rendano tridimensionali i loro personaggi.
Lo stesso devo dire hanno fatto Thomas Trabacchi nel ruolo di un commissario,  Gaetano Bruno nel difficile ruolo del finto buono e il resto del cast.
Insomma due difficili, ma belle esperienze in cui si doveva lottare anche contro il tempo e un budget contenuto, ma che grazie ad un team coeso che punta allo stesso obbiettivo, sono diventate delle belle avventure. Spero di essere riuscito a fare due film che catturino il pubblico e che lo facciano anche riflettere su una delle problematiche che affliggono la nostra società.

Marco Pontecorvo

Rai.it

Siti Rai online: 847