Camminerai Camminerai - Home La Via di Arad Il Cammino del Nord - 2004 La Via Francigena - 2014 La Via dei Faggi - 2013 La Via Tolosana - 2013 Da Roma a Gerusalemme - 2012 La Via della Plata - 2011 La Via di Olaf - 2010 La Serenissima - 2009 Il Cammino - 2008 La Via Maestra - 2008 La Via di Sigerico - 2007 La via di Paolo e Giovanni - 2006 La via Francigena - 2005 La via Lattea - 2004
Radio 6 Teca

Siti Amici


























In evidenza

Il Cammino del Nord 2015

La via di Paolo e Giovanni - 2006

Da Bari ad Istanbul.
Dal 1 maggio al 2 giugno 2006

È stato detto che il Dio dei cristiani è un nomade: si sposta di frequente, ama cambiare di luogo e spesso sceglie il deserto per incontrare gli uomini. Abramo, il prescelto, è colui che effettua la grande migrazione, vive nelle tende e lì riceve il Signore, per la prima volta Trino. Anche Mosè, per custodire l'Arca dell'Alleanza, allestisce una tenda. Tutta la predicazione del Cristo avviene spostandosi di continuo. Per conoscerlo bisogna seguirlo, farsi nomadi almeno un po'. Spostarsi, camminare, percorrere gli itinerari lungo i quali sono distribuite le memorie, le tracce visibili, della sua storia è uno dei modi privilegiati per confrontarsi con la nostra religione, da fedeli o da agnostici. Dopo il Cammino di Santiago, a occidente, e la Via Francigena, a settentrione, Radio3 si rivolge quest'anno a levante verso i luoghi della spiritualità orientale, dove San Paolo ha svolto la sua predicazione e San Giovanni ha scritto l'ultimo dei Vangeli.

Sergio Valzania, direttore Programmi Radio Rai

 

RIASCOLTA E SCARICA I PODCAST DELLE PUNTATE >>


IL PERCORSO

La prima settimana


1 maggio - Bari
2 maggio - Patrasso
3 maggio - Olimpia
4 maggio - Mistrà
5 maggio - Corinto
6 maggio - Atene

conduttori della prima settimana: Paola Scarsi e Sergio Valzania

 

La seconda settimana

7 maggio - Atene
8 maggio - Kalambaka
Meteore
9 maggio - Meteore: Aghios Stefanos, Aghia Triada
10 maggio - Meteore: Varlaam, Megalo Meteoro
11 maggio - Meteore: Aghios Nicolaos, Roussanou
12 e 13 maggio - Salonicco

conduttori della seconda settimana: 
Linda Brunetta e Alessandro Cannavò

 

La terza settimana

14 maggio - Ouranoupolis Monte Athos
15 maggio - Iviron
16 maggio - Megistis Lavras, Karakalou e Filotheu
17 maggio - Vatopediou, Pantocratoros e Stavronikita
18 maggio - Simonos Petras, Gregoriou, Xeropotamou, 
Koutloumousiou
19 maggio - Panteleimonos
20 maggio - Kavala

conduttori della terza settimana: 
Giorgio Montefoschi e David Riondino

 

La quarta settimana

Dal 21 al 27 maggio in navigazione sulla Nave Orsa Maggiore della Marina Militare

24 maggio - Chios 
26 maggio - Patmos 

conduttori della quarta settimana: Stefania Scateni e Sergio Valzania

 

La quinta settimana

28 e 29 maggio - Efeso
30 e 31 maggio, 1 giugno - Istanbul 
2 giugno - Costantinopoli 

conduttori della quinta settimana: Antonio Bozzo e Lorenzo Sganzini

 

I CONDUTTORI

 

 Paola Scarsi


"Dopo aver percorso il Cammino di Santiago e la Via Francigena ho avuto modo di comprendere che il pellegrinaggio regala tanto a chi lo compie ed acuisce il desiderio di condividere questi doni - grandi o piccoli che siano non sta a noi giudicare - con gli altri. E molti piccoli episodi hanno trasformato in certezza quella che era solo un'iniziale percezione. Motivi che mi fanno affrontare con una gioia ed un entusiasmo ancora maggiori questo terzo percorso. 
Spero che il mio profondo desiderio di conoscere - luoghi, panorami, persone - possa aiutarmi a trasmettere sensazioni, emozioni e sentimenti ogni volta rinnovati."


Paola Scarsi, giornalista 


Sergio Valzania

"La molla prima dell'andare è sempre la curiosità. La cristianità d'Oriente mescola il fascino dell'esotico con quello delle radici, nella sua capacità di conservarsi nel tempo. L'incontro privilegiato con il monachesimo orientale rappresenta un'occasione importante per ogni cattolico e comunque per ogni persona attenta alle realtà dello spirito."

Sergio Valzania, direttore Programmi RadioRai 


Linda Brunetta

 

Quest'anno RadioTre ci porta alle Meteore, un gruppo di rocce grigie tra la terra e il cielo, che si innalzano austere dall'immensità della piana della Tessaglia, una tappa lungo un percorso fino a Patmos, dove San Giovanni ebbe la terribile e grandiosa visione dell'Apocalisse. Rileggendola mi colpisce nella descrizione dei flagelli immaginati dall'Evangelista, l'affinità con quello che l'umanità si infligge oggi, senza bisogno di demoni e mostri e in particolare l'amara verità e attualità di questo passaggio: 
"Il resto dell'umanità che non perì a causa di questi flagelli, non rinunziò alle opere delle sue mani; non cessò di prestar culto ai demòni e agli idoli d'oro, d'argento, di bronzo, di pietra e di legno, che non possono né vedere, né udire, né camminare; non rinunziò nemmeno agli omicidi, né alle stregonerie, né alla fornicazione, né alle ruberie." Dopo 2000 anni nulla è cambiato, ma camminando e riflettendoci sopra, chissà...


Linda Brunetta, sceneggiatrice

 

Alessandro Cannavò


"É impressionante come talvolta la natura faccia pensare nella sua imprevedibilità a un intervento divino. Così la tranquilla pianura greca della Tessaglia si smuove improvvisamente, diventa preda di una furia geologica. Quando visitai per la prima volta le Meteore 25 anni fa rimasi stordito da questo panorama che ora mi accingo a ripercorrere per Radiotre cercando di capire i motivi che hanno spinto alle sommità delle rocce selvagge una folta comunità monastica tuttora presente. L'unicità del luogo si sposa con l'esclusività della condizione ascetica. Nel mondo della cristianità ortodossa credo che le Meteore restino una realtà spirituale misteriosa e affascinante da raccontare con rispetto e umiltà."

Alessandro Cannavò, giornalista


Giorgio Montefoschi

 

"Ho sempre desiderato visitare il Monte Athos e, soprattutto, starci per un po'. Mi intriga il fatto che sia un luogo difficilmente accessibile. Sono molto curioso di assistere alle leggendarie cerimonie liturgiche e al lavoro, di tradizione millenaria, che tuttora si svolge con le icone. Qualche spavento, misto a una volontà di non sottrarmi, è determinato dalla ferrea clausura. Vedremo."

Giorgio Montefoschi, scrittore

 

David Riondino
 

"Dopo l'esperienza sulla via Francigena nel 2005, ho deciso che ogni anno mi ritaglierò del tempo da dedicare a una meditazione ambulante. Camminando si cambia dimensione. Si viaggia, dopo un po', dentro i pensieri, nel teatro del paesaggio reale. Chissà il Monte Athos, come risuonerà ai miei ragionamenti." 

David Riondino, attore

 

Stefania Scateni

"Ho accettato di percorrere le vie di Paolo e Giovanni insieme a Radio3 per due motivi. In primo luogo perché l'anno scorso ho percorso un tratto della via Francigena ritrovando non solo il piacere di camminare ma anche la gioia di condividerlo. Camminare fa bene alla salute mentale. Mi dicono che quest'anno non si camminerà. Allora passo al secondo motivo: navigherò come Ulisse, mi fermerò sull'isola di Patmos come Giovanni, dove ha scritto l'Apocalisse. E se avessi anch'io una rivelazione?" 


Stefania Scateni, giornalista

 

Antonio Bozzo

 "Camminare verso la sorgente della religione cristiana, in posti stupendi e carichi di storia come Efeso, Istanbul (Costantinopoli), vuol dire soprattutto oggi andare incontro alle altre culture e alle altre religioni"


Antonio Bozzo, giornalista

 

Lorenzo Sganzini

"Riparto con alle spalle la bella e intensa esperienza della Via Francigena. Non c`è più la fatica del camminare. Ma rimane il viaggio lungo i percorsi della storia e della fede. E la voglia di capire e di raccontare, di mediare conoscenza trasmettendo emozioni, di cercare d'accendere immagini nell'intelletto e nel cuore degli ascoltatori."

Lorenzo Sganzini, direttore Rete Due Radio Svizzera di lingua italiana

Rai.it

Siti Rai online: 847