GazzetTinto

La macedonia

Bigazzi: la conoscena fa la differenza

    » Segnala ad un amico

    Ingredienti:

    Procedimento:
    Qui vedete una zuppiera di macedonia. Guardatela! Mangiatela solo se l’avete preparata voi con frutta fresca, da massimo un’ora e tenuta ermeticamente chiusa in un frigo e se avete usato succo di limone italiano, zucchero integrale e niente liquori. La frutta, come le verdure, quando è tagliata  dura poco e richiede alchimie e compromessi.Peggio che mai se, per fare bella figura, usate frutta esotica – ananas, avocado, banane, mango, mangostin, papaya -  frutta eccellente se la mangiate nei paesi di origine maturata naturalmente sulla pianta e tagliata al momento di mangiarla. Quello che arriva nel nostro paese è stata raccolta ancora acerba, vedi le banane, e può aver subito trattamenti chimici per affrontare i molti giorni di viaggio. Il consiglio è non usare frutta esotica. E dato che ci siamo ve ne do un altro: mangiate la frutta nel  momento in cui la lavate e sbucciate, senza zucchero, gusterete i singoli sapori al meglio, senza compromessi, senza usare il frigo, che secondo indagini è uno dei luoghi meno asettici che abbiamo in casa. E poi è diseducativo: una percentuale crescente di consumatori compra insalata tagliata e lavata, frutta già tagliata o affettata, carciofi già pronti per essere cucinati, mantenuti in acqua acidulata (che come è noto cambia i sapori ed è inutile). Tutti chiedono ricette che pochi fanno e di solito l’indicazione degli ingredienti è generica, imprecisa, non indicano nomi propri e provenienza e tante altre notizie indispensabili. Io resto fedele alle richieste di conoscere tutto sui prodotti che mangiamo e non sono disposto a vederli rovinare con utilizzi sbagliati come quella di farli a pezzi prima di consumarli. Si parla di educazione alimentare come di una base indispensabile dell’educazione in genere, ma a cominciare dalla scuola, dai giornali, dalla tv si fa di tutto per diseducare, basti pensare al pane, all’olio, alla carne, alle verdure delle mense scolastiche e al parlare generico dei nutrizionisti (carne bianca, uova, formaggi freschi…) o alla presenza in molte scuole di distributori di alimenti e bevande che in convegni articoli e libri spesso sono definiti dannosi per la salute. Perciò la macedonia guardatela, non fatela e non mangiatela!