radio 3 logo verde su bianco








Mercato delle vettovaglie

Livorno


Francesco Niccolini ci accompagna tra i banchi del mercato centrale di Livorno “il Mercato delle vettovaglie”, costruito 150 anni fa nel cuore della cittadina toscana, lungo il Fosso Reale.

È un viaggio in uno dei luoghi più accoglienti della città insieme al porto, un’autentica “cattedrale laica” dove la bellezza è nei volti dell’umanità che lo frequenta e lo abita oltre che nell’architettura dell’edificio o nelle merci in vendita sui banchi. Oltre alla prorompente vitalità e al sarcasmo tipico di una città in cui le burle sono all’ordine del giorno (la più famosa quella del 1984, proprio qui davanti nel Fosso Reale, dove furono ritrovate tre teste, in un primo tempo attribuite ad Amedeo Modigliani ma poi smascherate come falsi) nel mercato si respira anche la crisi economica visibile nei numerosi banchi che chiudono o restano aperti solo nel fine settimana.  

Compagni di strada di quest’avventura, che è soprattutto un viaggio dentro l’identità livornese sono Pietro, venditore di limoni e di aglio “tre rossi un euro”, Claudio, che vende i migliori carciofi della città, Amal, arrivato dal Bangladesh con i suoi fratelli, l’attore e amico Fabrizio Brandi e la musica di tre livornesi doc: Pietro Mascagni, Piero Ciampi e Bobo Rondelli.