Così rinascono i borghi

La chiamano la "maestra dei muretti", Margherita, ha dita lunghissime, ereditate dalla mamma musicista, e gli occhi neri come l'ombra sotto ai limoni delle sue Cinque Terre. Margherita erminio abita a Vernazza, uno dei 5 borghi patrimonio dell'Unesco della Liguria, ha 32 anni e, per lei, insegnare a ricostruire i muretti a secco significa sconfiggere il dissesto idrogeologico della sua terra. Quella che poco dopo pranzo, il 25 ottobre del 2011, un'alluvione devastante "e uno scellerato abbandono" hanno trascinato in mare, con centinaia di metri di terrazzamenti. 
Ci sono 7mila chilometri di muretti a secco, in tutte le Cinque Terre. Messi in fila, anche se sembra incredibile, sono lunghi quanto la Grande Muraglia. "Due giorni prima dell'alluvione ero sulla collina con mio padre - racconta - Da tempo gli chiedevo di mostrarmi la nostra terra, finalmente si era deciso: l'ho vista per la prima e ultima volta. Cinque piani di terrazze sono franati in mare". (...) Così è tornata a casa e ha fondato l'associazione "Tu quoque" ("sì perché, come Bruto, siamo arrabbiati con i nostri padri che hanno abbandonato la terra") che organizza corsi per costrire muretti a secco, ripristinando oltre 400 metri quadrati di terrazzamenti dal 2011 ad oggi. Hanno cominciato a partecipare i ragazzi del paese, poi le domande sono arrivate da Russia, Turchia, Norvegia, Brasile. Finché l'anno scorso l'Unesco l'ha incaricata di organizzare un campo di "muretti". (...)

continua sul quotidiano La Repubblica del 18 maggio 2016, pag.21 

Rai.it

Siti Rai online: 847