GazzetTinto

[an error occurred while processing this directive]

Sfincione palermitano vs Lo sfincione palermitano

Anna contro tutte Anna Moroni Costanza La Manna

    » Segnala ad un amico

    Tempo di preparazione: più di un'ora
    Tipologia: Primi Piatti
    Difficoltà: Difficile
    Rubriche: Anna contro tutte



    Procedimento:

    Sfincione palermitano

    Per l’impasto:
    1 kg di farina “O”
    1 cubetto di  lievito di birra
    1 cucchiaino di zucchero
    500ml di acqua tiepida
    4 cucchiai di olio evo
    sale
    Per il condimento:
    1 kg di cipolle
    6 acciughe sott’olio
    250g di salsa di pomodoro
    200g. di caciocavallo semi stagionato
    1 cucchiaio di origano
    pangrattato q.b.
    olio evo q.b.

    Sciogliere il lievito nell’acqua tiepida e il cucchiaino di zucchero. In una spianatoia versare la farina a fontana una presa di sale. Creare un cratere e versare l’olio e successivamente l’acqua contenente il lievito. Impastare fino a quando l’impasto non risulta liscio. Formare una palla e lasciarla lievitare coprendola con un canovaccio o una tovaglia per un’ora e mezza circa. Passato questo tempo dividerla in due e stenderla aprendola dolcemente con le mani in una teglia unta d’olio. Lasciare riposare per 20 minuti prima di condirla.
    Tagliare le cipolle a fettine sottili. Versare l’olio nella pentola, unite le cipolle e soffriggere dolcemente aggiungendo un po’ d’acqua per evitare che si attacchino sul fondo. Aggiungere metà delle acciughe, scioglierle nel soffritto ed aggiungere il concentrato di pomodoro sempre mescolando, cuocere 30 minuti. Fare raffreddare il condimento prima di posizionarlo sull’impasto.
    Disporre sulla pasta dei filetti d’acciuga spingendoli con le dita. Versare sopra il condimento di cipolle e pomodoro spolverizzare con pan grattato leggermente tostato. Mettere in forno preriscaldato per 20 minuti a 200° e appena sfornato aggiungere il caciocavallo a scaglie. Lasciare riposare e dopo servire.

    Lo sfincione palermitano

    Ingredienti per 4 persone:
    Per la pasta:
    300g di farina “00”
    200g di farina di semola di grano duro
    25g di lievito di birra
    1 bicchiere di acqua tiepida
    ½ cucchiaino di zucchero
    sale q.b.
    2 cucchiai di olio extravergine di oliva q.b.
    Per il condimento:
    3 cipolle rosate
    250g di caciocavallo semistagionato a fettine
    100g di filetti di acciughe sott’olio
    3 carciofi
    100g di salame a fette
    500g di pomodori pelati a pezzi
    origano q.b.
    pangrattato q.b.
    zucchero q.b.
    olio extravergine di oliva q.b.
    sale e pepe q.b.

    Procedimento:
    Impastare le farine setacciate con il lievito sciolto in poca acqua tiepida e un pizzico di zucchero. Lavorare l’impasto incorporando altra acqua con un pizzico di sale fino ad ottenere un panetto molto morbido. Trasferire l’impasto in una terrina infarinata e lasciarlo lievitare per 2 ore coperto da un canovaccio.
    Nel frattempo pulire i carciofi, tagliarli a fette sottili e immergerli in una soluzione di acqua e succo di limone. Affettare finemente le cipolle e farle appassire con un filo d’olio extravergine di oliva e un po’ di acqua. Unire i pomodori schiacciati, un cucchiaino di zucchero e regolare di sale e pepe. Cuocere a fuoco dolce per 20’ circa.
    Strizzare i carciofi e farli appassire in una padella con un filo d’olio extravergine e un pizzico di sale.
    Lavorare l’impasto per qualche minuto con 2 cucchiai di olio extravergine, stenderlo mantenendo uno spessore di circa 2 cm e adagiarlo in una teglia da forno precedentemente oliata. Cospargere la superficie con le acciughe spezzettate facendo pressione sull’impasto con le dita. Aggiungere il salame spezzettato, i carciofi, le fettine di caciocavallo e cospargere il tutto con la salsa di pomodoro. Spolverare la superficie con il pangrattato e l’origano, lasciar riposare 40’ quindi infornare a 200° per 35’. Servire tiepido.