Priorità? Imu ed evasione

Salve, 
mi riferisco alla trasmissione del 14/12. L’art. 53 della Costituzione è molto striminzito, e per questo è stato stravolto dai legislatori. La capacità contributiva è riferita al reddito: stipendi, pensioni ed altri introiti. E’ il caso dell’IMU sulla seconda casa, laddove viene colpito il bene immobile, anche se l’intestatario ha una capacità contributiva bassa.
Il sistema tributario è ispirato a criteri di progressività? Idem come sopra. Le aliquote pazzesche hanno bloccato gli investimenti immobiliari; e quindi anche le imposte sulle compra-vendite. C’è gente che fa il giochino della doppia residenza per non pagare l’IMU (e pagare le utenze  ridotte). Vengono effettuati i controlli? O vengono favoriti i furbi, perché i residenti votano ed alla casta di qualsiasi partito i voti fanno comodo? Perché io non posso visionare i dati dell’IMU 2.a casa (o solo dell’IMU)? Anche il catasto è accessibile a tutti. Non sono riuscito a conoscere nemmeno il gettito complessivo di questa imposta, e quanto lo Stato riesce ad incassare. Perché se non riscuote, cosa fa, espropria quando non si riesce nemmeno a vendere?
Si è parlato di priorità, quella di gente che non riesce a pagare l’affitto. E le spese condominiali? Magari l’inquilino paga l’affitto per non essere sfrattato, ma non le spese condominiali. Così il malcapitato proprietario oltre all’IMU deve accollarsi anche le spese condominiali. 
Le dico io le priorità: abbassare notevolmente le aliquote IMU 2.a casa e farla pagare a tutti, con i controlli che ho indicato sopra. L’ altra priorità è  l’evasione fiscale, che in Italia registra cifre da capogiro. E’ sempre questione di volontà politica.

Gustavo Previtali-Bergamo

Rai.it

Siti Rai online: 847