Terza puntata

Ghiacciai, mari e resilienza

Censura climatica in Florida per gli impiegati del Dipartimento Protezione Ambientale

http://www.washingtonpost.com/news/energy-environment/wp/2015/03/10/floridas-ban-of-the-term-climate-change-is-straight-out-of-the-bush-playbook/

 

La II Giornata del lavoro agile (telelavoro) il 25 marzo 2015 è un giorno in cui, a Milano e dintorni, aziende private e pubbliche amministrazioni ampliano la possibilità di lavorare ovunque e ne misurano i vantaggi rispetto alla riduzione dell’inquinamento e al risparmio di tempo per le persone.
www.comune.milano.it/GiornataLavoroAgile

Aderisce anche Genova e Torino:
http://www.comune.genova.it/content/la-giornata-del-lavoro-agile-25-marzo-2015

http://www.comune.torino.it/ucstampa/comunicati/article_168.shtml

 

Il ritiro dei ghiacciai alpini e globali
I ghiacciai sono tra i più efficaci indicatori dei cambiamenti climatici, "termometri naturali" che confermano la tendenza al riscaldamento atmosferico. Sono infatti in regresso in tutto il mondo, dalle Alpi alle Ande, salvo isolate e temporanee eccezioni.



L'impressionante regresso del ghiacciaio Pré de Bar (Monte Bianco) tra il 1897 (f. Druetti) e il 2012 (f. L. Mercalli): in poco più di un secolo la fronte si è ritirata di circa 800 m.

 

Oetzi, la mummia dell’età del rame al Museo Archeologico dell’Alto Adige - www.iceman.it

 

Due articoli fondamentali sul ritrovamento di reperti archeologici al margine di ghiacciai alpini, prova che l'entità dell'attuale deglaciazione non ha riscontri negli ultimi 5000 anni, sopravanzando anche la fase relativamente mite del Medioevo.

Ritrovamento di corredi di caccia (abiti, calzature, utensili, dal Neolitico al Medioevo) sulle Alpi Svizzere nell'estate 2003(Martin Grosjean et al., 2007)

La mummia "Oetzi" e i cambiamenti climatici dell'Olocene(Carlo Baroni e Giuseppe Orombelli, 1996)

 

Comitato Glaciologico Italiano (CGI), dal 1913 coordina le annuali campagne di misura dei ghiacciai nazionali: www.glaciologia.it

Servizio Glaciologico Lombardo: sgl.cluster.it

Comitato Glaciologico Trentino: http://www.sat.tn.it/sns/17/ghiacciai.htm

Museo Archeologico di Bolzano, ove è conservata la mummia "Oetzi": www.iceman.it (attualmente è in corso la mostra "Frozen Stories" dedicata ai reperti archeologici restituiti dai ghiacciai in ritiro: www.iceman.it/it/frozen_stories_it)

Servizio Glaciologico dell'Alto Adige: www.servizioglaciologico.com

World Glacier Monitoring Service (Zurigo), banche dati di variazioni frontali e bilanci di massa dei ghiacciai di tutto il mondo: www.wgms.ch

"Global Glacier Changes: facts and figures", opuscolo di sintesi della situazione dei ghiacciai nei vari continenti (UNEP): www.grid.unep.ch/glaciers/pdfs/glaciers.pdf

National Snow and Ice Data Center di Boulder, Colorado (Stati Uniti); contiene le mappe aggiornate dell'estensione dei ghiacci marini artici e antartici: www.nsidc.org

Institute of Arctic and Alpine Research di Boulder, Colorado (Stati Uniti): http://instaar.colorado.edu

International Glaciological Society, dal 1936 promuove ricerca e divulgazione su neve e ghiacciai a livello internazionale: www.igsoc.org

Journal of Glaciology, rivista scientifica pubblicata dall'International Glaciological Society:
www.igsoc.org/journal

Laboratoire de Glaciologie et Géophysique de l'Environnement (Grenoble): http://lgge.osug.fr

Laboratorio di glaciologia del Politecnico di Zurigo e rete di monitoraggio dei ghiacciai svizzeri: www.vaw.ethz.ch/divisions/gz

Commissione glaciologica dell'Accademia bavarese delle scienze: www.glaziologie.de/english/cfgstart.html

Associazione pirenaica di glaciologia: http://asso.moraine.free.fr/

Gridabase, banca dati europea dei rischi glaciali (progetto Glaciorisk): www.nimbus.it/glaciorisk/gridabasemainmenu.asp

"Sulle tracce dei ghiacciai", progetto di confronto fotografico tra un secolo fa e oggi dei ghiacciai delle diverse catene montuose del mondo (Associazione Macromicro): http://www.macromicro.it/ita/sulle-tracce-dei-ghiacciai/

Progetto di monitoraggio fotografico di ghiacciai, dall'Alaska alle Alpi (James Balog): http://extremeicesurvey.org/

 

Variazione livelli marini
Il maggiore apporto d'acqua dolce dai ghiacciai continentali in fusione, e la dilatazione termica delle acque del mare, sempre più calde, determinano un aumento dei livelli oceanici, attualmente al tasso di circa 3 mm/anno. Può sembrare poco, ma il fenomeno è in intensificazione ed entro il 2100 un incremento di livello di quasi un metro rispetto a oggi potrebbe invadere le coste oggi abitate da oltre 100 milioni di persone, con notevoli conseguenze umanitarie, sanitarie e geopolitiche. 

Dati, notizie e cartografie sulle variazioni dei livelli marini: http://tidesandcurrents.noaa.gov/sltrends/sltrends.html

Curve aggiornate dell'aumento dei livelli marini: http://climate.nasa.gov/vital-signs/sea-level/

Programma TOPEX- Poseidon (NASA): http://topex-www.jpl.nasa.gov

Istituto di Scienze Marine del CNR: www.ismar.cnr.it

La Grotta Cosquer (Marsiglia)
http://it.wikipedia.org/wiki/Grotta_Cosquer

 



Stime IPCC di incremento dei livelli marini globali nel corso del XXI secolo,

comprese tra i 26-55 cm dello scenario a basse emissioni (RCP 2,5)
e i 45-82 cm di quello a elevate emissioni (RCP 8,6).

 

Elenco apparso sul Weather Channel, con le 20 città più vulnerabili all'aumento dei livelli marini:

a maggior rischio sono tutte quelle città, soprattutto del Sud-Est asiatico, a forte crescita demografica e con problemi di subsidenza, anche a causa di forti prelievi di acqua di falda dal sottosuolo  (es. Nagoya in Giappone, Xiamen, Tianjin e Guangshou in Cina, Giakarta in Indonesia, Calcutta...), ma anche New York e Miami.

utile anche:
http://www.worldbank.org/en/news/feature/2013/08/19/coastal-cities-at-highest-risk-floods

Per l'Italia, una recente ricerca CMCC:
http://www.cmcc.it/it/publications/rp0251-sea-level-rise-in-the-italian-regions-a-macro-economic-assessment
"Results show that Emilia Romagna and Veneto are the most affected regions in all the scenarios, in terms of GDP loss"

 

Acidificazione degli oceani
Gli oceani assorbono parte del biossido di carbonio in eccesso emesso dalle attività umane, ma così facendo si acidificano (il pH delle acque diminuisce) mettendo a rischio i delicati ecosistemi marini e in particolare la capacità di molti organismi acquatici di costruire i loro scheletri carbonatici.

Sezione del sito del Natural Resources Defense Council (USA) dedicato all'acidificazione degli oceani: http://www.nrdc.org/oceans/acidification/

 

Ecologia degli Oceani

La grande nota di Frank Zappa
http://www.treccani.it/webtv/videos/Int_ferdinando_boero_zappa.html

Frank Zappa diceva che la musica è una grande nota e parlava di continuità concettuale. Il biologo marino Ferdinando Boero ci parla del grande artista scomparso 20 anni fa e ci racconta di come sia riuscito a conoscerlo dedicandogli la scoperta di una nuova specie di meduse.
intervento presso RNext. La Repubblica delle Idee. 

https://www.youtube.com/watch?v=hweLGOAMaJs
L'amicizia con Frank Zappa e le meduse, il rapporto tra sviluppo economico e tutela dell'ambiente, il catastrofismo della comunicazione, la differenza tra "paesaggio" e "natura": Ferdinando Boero, uno dei più importanti zoologi al mondo, ne parla con gReeno, il portale italiano di comunicazione ambientale.

Qui si può ascoltare Lonesome Cowboy Nando di Frank Zappa
https://www.youtube.com/watch?v=JOeJmZl729k

Coastal and Marine Biology and Ecology
https://www.scienzemfn.unisalento.it/cmbe_homepage
All’Università del Salento il primo e unico corso di laurea magistrale interamente in inglese su Biologia Ecologia e Biologia Marina e Costiera

Mare ultimo Eden - Lectio Magistralis del prof. Ferdinando Boero all’Ambasciata di Spagna presso la Santa sede:  http://www.cobat.tv/videolist.php?catvideo=4

Un paradiso da salvare:
http://www.treccani.it/webtv/videos/Int_ferdinando_boero_biodiversita.html

Le meduse e l’equilibrio dell’ecosistema marino:
http://www.treccani.it/webtv/videos/Int_ferdinando_boero_meduse.html

https://www.youtube.com/watch?v=kc51MXZ8OUo
Ecologia della Bellezza. 

http://www.scuola.rai.it/articoli/nautilus-festival-della-scienza-di-genova-tempi-infiniti/26026/default.aspx
La medusa immortale a Nautilus, per il festival della Scienza di Genova. 

Progetto CoCoNet:
http://www.coconet-fp7.eu/
https://www.youtube.com/watch?v=-iovRrpzXiA

Meteomeduse: la scienza dei cittadini applicata alle meduse:
http://meteomeduse.focus.it/

Libro di F. Boero sulle meduse per la FAO: http://www.fao.org/docrep/017/i3169e/i3169e.pdf

Navigating the Future IV, dell’European Marine Board:
dove ci sono le tematiche più importanti della futura ricerca marina nel mondo

Good Environmental Status per la Marine Science Framework Directive dell’Unione  Europea

 

Sovrappopolazione
La popolazione terrestre continua ad aumentare, nel 2015 ha raggiunto i 7,2 miliardi di individui e ogni anno si aggiungono circa 70 milioni di umani. Parallelamente, di conseguenza crescono i consumi di materie prime ed energia, la produzione di rifiuti e l'inquinamento, sempre più insostenibili.

Population Media Center. Informazioni e aggiornamenti sulla popolazione mondiale: www.populationmedia.org

Contatore della popolazione USA e globale: http://www.census.gov/popclock/

Il libro “Conto alla rovescia” di Alan Weisman

 

Clima, sicurezza, migrazioni e profughi ambientali
I cambiamenti climatici e la degradazione dell'ambiente sono una minaccia reale per la stabilità sociale ed economica dell'umanità, e i loro effetti molto probabilmente già contribuiscono a molti conflitti in corso nel mondo, e alle conseguenti migrazioni umane.

Nuovo rapporto del Pentagono sulle sfide dei cambiamenti climatici in termini di sicurezza nazionale

Centro per il Clima e la Sicurezza, ente no-profit di ex-militari Usa impegnati per un mondo "clima-resiliente": http://climateandsecurity.org/

Climate Change, Environment and Migration Alliance (CCEMA): www.ccema-portal.org

UK Climate Change & Migration Coalition: http://climatemigration.org.uk/

Università di Durham (UK), conferenza su clima e migrazioni, 28 giugno - 1° luglio 2015: www.climatemigration.eu

International Organization for Migration, sezione dedicata ai cambiamenti climatici: www.iom.int/cms/climateandmigration

Articolo sulla siccità in Siria e lo sviluppo delle recenti rivolte

Libro Ecoprofughi  di Valerio Calzolaio

Libro Il profumo della vita (storie di profughi) di Silvana Barillaro – Di Nicolò Edizioni

 

Ecocritica

Il libro Ecologia letteraria di Serenella Iovìno

Molte pubblicazioni e articoli di Serenella Iovino (Università di Torino) sono on line su:
https://unito.academia.edu/serenellaiovino

Environmental Humanities Research Group

Per l'approfondimento di temi ecocritici, pubblicazioni, convegni:
European Association for the Study of Literature, Culture and Environment

Association for the Study of Literature and Environment - USA

Riviste on line:

Ecozon@: European Journal of Literature, Culture and Environment

ISLE: Interdisciplinary Studies in Literature and Environment

 

Resilienza

Lo Stockholm Resilience Center diretto da Johan Rockstrom

Il lavoro fondamentale di Johan Rockstrom sui limiti planetari, pubblicato nel 2009

L’aggiornamento di Steffen et al. del 2015

La rete Resilience Alliance

Il quartiere Hammarby Sjostad di Stoccolma

Rai.it

Siti Rai online: 847