rai4





[an error occurred while processing this directive]

Miyazaki

Nato sul finire della prima guerra mondiale, in precario equilibrio fra tradizione iconografica e modernizzazione mediatica, il cinema d’animazione giapponese è sfruttato a fini propagandistici durante la seconda, ma sin dagli anni cinquanta riesce a lanciarsi nella concorrenza al colosso disneyano. Il “dio degli anime” Hayao Miyazaki muove i suoi primi passi artistici come regista della fortunatissima serie Le avventure di Lupin III (1971); dieci anni dopo fonda lo Studio Ghibli, approdando a una rigorosa e inconfondibile poetica fatta di sogno ed ecologia, delicatezza infantile e lucida visione politica.

Da Nausicaä della Valle del vento (1984), tratto da un manga della stesso autore, a Laputa - Il castello nel cielo (1986), libera trasposizione del grande classico di Jonathan Swift I viaggi di Gulliver (1735); da Il mio vicino Totoro (1988), personaggio tanto emblematico dell’opera del maestro da essere presto promosso a logo della stessa Ghibli, alla satira sull’Italia fascista di Porco Rosso (1992); dal successo di pubblico di Princess Mononoke (1997) ai premi – Oscar e Orso d’oro – raccolti da La città incantata (2003), cui si aggiungerà il Leone d’oro alla carriera ricevuto un anno dopo, in occasione della presentazione alla Mostra di Venezia de Il castello errante di Howl (2004).

Rai.it

Siti Rai online: 847