RaiUno_logo

Backstage

[an error occurred while processing this directive]

Il pane con il mosto di vino

Pane e Pizza

    » Segnala ad un amico

    Rubriche: Pane e Pizza



    Procedimento:

    Il pane che Gabriele ci porterà oggi, un pane al MOSTO di VINO, è stato preparato a 4 mani:le mani di Gabriele e quelle di EUGENIO BARBIERI, suo carissimo amico. Hanno lavorato per due giorni per prepararne l’impasto lievitato con un mosto di uva rossa in fermentazione da 4 o 5 giorni. 
    Eugenio Barbieri. 41 anni, professione contadino, ma non di quelli moderni con la specializzazione in una coltura; se non facesse il contadino antico, sarebbe archeologo. In realtà è ingegnere e ricercatore universitario, ma ha deciso di ritornare a fare il contadino come si faceva agli inizi del ‘900. Nella sua cascina si produce per la famiglia , si auto-consuma, si vive del proprio lavoro diretto. Con queste premesse è chiaro che stiamo parlando di una produzione minimale, biologica, certa e a metri 0. Eugenio Barbieri e la sua famiglia rappresentano la stirpe contadina che ha avuto una mezza generazione di interruzione (i genitori sono anch’essi contadini) e poi è ritornata. Quasi come se nulla fosse cambiato.

    Parliamo di “archeologia” (del gusto) per la definizione stessa di archeologia, di antico e per una certa  visione del  tempo andato:  perché la gastronomia che nasce a casa Barbieri (ne sono coinvolti la moglie Sabina e i figli Luca, Marco e Alessandro) può esistere solo coltivando la logica del meglio a qualunque costo, in cui la voce costo è il proprio lavoro, quello di ogni giorno puntuale e appassionato che ti fa vivere a contatto con quello che allevi e che coltivi.
    Eugenio Barbieri non ha fretta e con lui non hanno fretta gli animali che alleva e le piante che coltiva. Il tempo, quello che serve per far crescere non è in vendita. Non lo compri e devi solo aspettare che trascorra. Ed Eugenio lo aspetta paziente come solo un contadino dell’Oltrepò pavese come lui, che sembra il protagonista di Ritorno al passato,  può fare. Dimenticate antibiotici, dimenticate anticrittogamici ma soprattutto dimenticate la fretta o il voler tutto e subito. Qui il calendario lo fa ancora la luna e con esso il sorgere e il tramontare del sole.