#BookSelfie

Foto di scena

Puntate

Pane Quotidiano al Salone del Libro di Torino con Don Ciotti

Lella Costa e Suor Giuliana Galli

CENTO PASSI VERSO UN'ALTRA ITALIA
di Libera

Un libro per raccontare vent’anni di “Libera” non basta. Ce ne vorrebbero tanti, per quante sono le storie, le persone che durante questi vent’anni hanno contribuito con corresponsabilità a combattere mafie e corruzione nel nostro Paese. Storie di donne e uomini, appassionati e discreti, che hanno dato gambe, corpo, cuore e cervello per costruire quel “Noi” che si ribella all’indifferenza e alla rassegnazione.
Non siamo certamente riusciti a dare voce a tutte le iniziative, ai momenti e alle persone che meritavano un ricordo o una citazione. Avremo dimenticato molti episodi significativi nei mille territori in cui Libera c’è e lavora quotidianamente, ma questo libro non può e non deve essere considerato un punto di arrivo.
La cultura della legalità e la giustizia sociale camminano sulle gambe dell’impegno civile e della partecipazione, su quelle pratiche quotidiane di cittadinanza che costruiscono e fondano una comunità. Una comunità in cui continueremo a vivere insieme, con la consapevolezza che la strada è in salita, ma ne vale sempre la pena.
A cura di Mario Lancisi


CHE BELLO ESSERE NOI

Lella Costa

Io non so come funzioni tra maschi. Tra femmine succede che spesso ci si incontri e si saltino tutti i preliminari della conoscenza reciproca, tutti i passaggi progressivi di una relazione, e ci si ritrovi istintivamente e immediatamente amiche.

Come se tutte le vite vissute prima, diversamente e separatamente, costituissero una sorta di alfabeto comune, fatto non solo di sentimenti ed emozioni ma anche di scelte simili, concezioni della vita analoghe, punti di vista coincidenti.

Come se – beate noi – ci fosse ripetutamente concessa la possibilità di rivivere la meravigliosa sensazione di avere incontrato una persona nuova e speciale. Vuoi essere mia amica?






LE SORELLE DEI POVERI
Suor Giuliana Galli

La storia delle “figlie” di san Giuseppe Benedetto Cottolengo, donne da sempre dedite anima e corpo ai più bisognosi, secondo il motto del fondatore: Caritas Christi urget nos. Dalla nascita della Piccola Casa della Divina Provvidenza nel 1833 a oggi, le “figlie” di san Giuseppe Benedetto Cottolengo hanno intrecciato la loro presenza con le tappe più significative della storia di Torino e del nostro Paese.

All’inizio si trattava un gruppo di volontarie che vivevano attorno alla figura del canonico rinunciando a tutto per dedicarsi all’assistenza di poveri, malati e bisognosi. Con il passare del tempo unirsi alla comunità delle cottolenghine ha significato, solo ed esclusivamente per le donne non abbienti, la possibilità di essere salvate da un destino di stenti e sofferenze per studiare, formarsi come individui, e offrirsi a propria volta alla società.

Oltre alle opere caritatevoli in Italia, infatti, sono state moltissime nel corso degli anni le missioni delle cottolenghine fuori dai confini nazionali, prima in Africa e poi anche in America, del Nord e del Sud, e in India. Attraverso un’analisi lucida e puntuale, Suor Giuliana Galli presenta la storia della congregazione di Cottolengo nei suoi aspetti istituzionali, giuridici, economici e gerarchici, ponendo l’accento sulla figura femminile in rapporto non solo all’autorità dell’ordine, ma anche ai cambiamenti politici, culturali e sociali che hanno modificato in oltre duecento anni il ruolo e la posizione della donna in Italia.

Rai.it

Siti Rai online: 847