Contenuti della pagina

La holding di cui era presidente, la Compagnia Generale Industriale S.p.A., fallì nel 1983

Arrestato in Germania Caproni

Achille Caproni di Taliedo, della nota famiglia di industriali aereonautici, è stato catturato nei pressi di Hannover, in Germania. Era latitante dal 1999. Dopo il crac della sua holding, avvenuto nel 1983, era stato indagato e poi condannato a 18 anni di carcere per bancarotta fraudolenta e truffa, ai danni di banche e società finanziarie

HANNOVER -

Era stato condannato nel 1999 per i reati di bancarotta fraudolenta e truffa aggravata: dopo oltre dieci anni di latitanza è stato arrestato in Germania Achille Caproni di Taliedo, terzo figlio del fondatore delle storiche Officine Caproni. Settantatre anni a giugno, Caproni dovrà espiare una pena residua di oltre 18 anni. È stato arrestato nel tardo pomeriggio di ieri a Bad Nenndorf, poco distante da Hannover.
Ad Achille Caproni, insieme ad altri, sono addebitati una serie di reati in ambito finanziario commessi tra la fine degli anni Settanta e i primi anni Ottanta a scapito di numerosi istituti di credito e società finanziarie. Secondo le accuse, Caproni sfruttava la credibilità del nome della holding di cui era presidente, la Compagna generale industriale dichiarata fallita nel 1983.
All'epoca la Guardia di finanza, ricostruendo le cause del fallimento del gruppo Caproni travolto da debiti per miliardi, scoprì un giro di fatture false; di lì le indagini proseguirono fino a verificare
la distruzione dei libri contabili a partire dal 1978 e l'uscita dalle casse aziendali di miliardi di lire, che riapparivano poi sui conti personali degli indagati.
Il padre di Achille Caproni, Giovan Battista, nel primo Novecento fu pioniere dell'industria aeronautica e, con le Officine Caproni, si affermò nella produzione di biplani e triplani della famiglia dei bombardieri, tra i velivoli più usati nella prima guerra mondiale. La ditta familiare divenne un vero e proprio gruppo industriale tra i due conflitti mondiali, con oltre 20 consociate; con la crisi del dopoguerra la casa madre terminò la sua attività, seguita dal resto del gruppo. Da ultima, la Caproni Vizzola fu rilevata alla fine del 1982 dalla Augusta.



Ultima Modifica: 07 maggio 2011, 08:32