Contenuti della pagina

Intervista del Giornale Radio al premier-segretario sulle elezioni

Regionali. Renzi: risultato netto
Scarsa affluenza preoccupi partiti

Il centrosinistra vince in Emilia Romagna, con Bonaccini, e in Calabria, con Oliverio. E il presidente del Consiglio sottolinea: “riprese 4 Regioni al centrodestra”. Pesa, però, il dato del numero dei votanti. Solo il 44,1% si è recato alle urne al Sud. E solo un terzo degli elettori, il 37,7% al Nord, dove si registra il sorpasso del Carroccio su Forza Italia. Il segretario Salvini twitta: “La Lega vola, la nostra comunità cresce ovunque". Fitto: azzerare le cariche in Fi, visti i risultati

In alto, il premier Renzi; sotto, da sinistra, i neo governatori della Calabria, Oliverio, e dell'Emilia Romagna, Bonaccini (foto Ansa)
VIENNA -

Il centrosinistra vince le elezioni regionali parziali ma il dato più incisivo è quello del calo, un vero tracollo, del numero dei votanti nelle due Regioni interessate all’appuntamento elettorale: Emilia Romagna e Calabria. Soddisfatto e preoccupato, al tempo stesso, il premier-segretario, Matteo Renzi, che intervistato dal Giornale Radio sottolinea il “risultato netto per il Pd”, che, aggiunge, così riprende 4 Regioni al centrodestra, ma subito avverte che la scarsa affluenza alle urne deve preoccupare “tutti i partiti”.

I candidati del Partito democratico hanno avuto la meglio sia in Emilia Romagna, con Stefano Bonaccini che è stato eletto governatore con il 49% dei suffragi, sia in Calabria, con Mario Oliverio che governerà la Regione forte del 61,2%. Flop dell'affluenza. Poco più di un terzo degli elettori, il 37,7% , ha esercitato il proprio diritto in Emilia Romagna; in Calabria ha votato il 44,1” degli aventi titolo. "Non si può essere soddisfatti di una partecipazione così bassa - ha commentato il dato il neogovernatore dell'Emilia Romagna Bonaccini - Adesso bisogna aprire una nuova stagione, abbiamo cinque anni per dimostrare che faremo bene".

Altro dato significativo di questa tornata elettorale è stato il successo della Lega in Emilia Romagna. Il candidato leghista Fabbri, sostenuto dal centrodestra, è arrivato secondo - al terzo posto si è posizionata la grillina Gibertoni - ma il Carroccio ha doppiato l'alleato Forza Italia ed è il secondo partito della Regione. E così, a Matteo Renzi che, via Twitter, aveva definito Forza Italia e M5S “asfaltati” dalla Lega, sempre con un tweet il segretario del Carroccio Salvini gli risponde: "Il pallone Renzi si sta sgonfiando. La Lega vola, la nostra comunità cresce ovunque". Da Forza Italia, è Francesco Giro a replicare al premier definendo il suo commento "inutilmente sarcastico e insultante" e che, la chiosa "induce a riflettere sui prossimi passi che dovremo compiere per il bene dell'Italia". Fra i commenti al voto anche quello di Fitto di Forza Italia che chiede l'azzeramento delle cariche del partito visti i risultati. Per Cicchitto di Ncd: "Il tentativo di omicidio di Forza Italia nei confronti del nuovo centrodestra si è tradotto in un suicidio sia in Calabria sia in Emilia".



Ultima Modifica: 28 novembre 2014, 11:10
[an error occurred while processing this directive]

TEMATICHE

    [an error occurred while processing this directive]