Contenuti della pagina

Senza carta si possono risparmiare 33 milioni di euro

A scuola con pc e tablet in aula

Il ministro dell'Istruzione Profumo saluta gli studenti che iniziano un nuovo anno scolastico. Annuncia il finanziamento di 24 milioni di euro per la rivoluzione digitale. Aumentano del 33 per cento anche le risorse per la gestione ordinaria degli Istituti. Al Sud ogni insegnante avrà un supporto informatico di ultima generazione

Primo giorno di scuola (archivio La Presse)
ROMA -

Quello che sia apre oggi in alcune regioni italiane sarà un anno "importante per la scuola, di avvio di un progetto che ci consenta di migliorarla, per renderla più europea". Lo dice il ministro dell’Istruzione Francesco Profumo nel giorno in cui molti studenti italiani iniziano il loro nuovo anno scolastico.

Il ministro torna sulla riforma digitale della scuola, un’operazione di modernizzazione e risparmio: ''In termini di carta - ha spiegato il ministro - si può avere un risparmio diretto di 30 milioni di euro: 4 milioni nella primaria (circa 2 euro a studente), 10 milioni alle medie (6 euro a studente) e 16 milioni alle superiori (6 euro a studente). L'obiettivo finale - ha osservato il ministro – è non portare più  i cittadini ai servizi, ma i servizi ai cittadini. Siamo un paese - ha concluso - che negli anni ha investito molto in sperimentazione, ora è il momento di fare un progetto paese con una regia complessiva in modo d'allinearci a quello che accade in Europa''.

Per permettere a tutti gli istituti di adeguarsi alla rivoluzione digitale, il Governo ha stanziato 24 milioni di euro in modo tale da fornire a tutte le 34.558 classi delle scuole medie e le 62.600 classi delle scuole superiori un computer. Nelle regioni meridionali, inoltre , l’obiettivo è di fornire un tablet per ogni insegnante. Finora sono state coinvolte 2.128 scuole (il 64,5% del totale) con un finanziamento complessivo di quasi 32 milioni di euro.

Nuovi soldi anche per la gestione ordinaria: dai servizi di pulizia alla tassa sui rifiuti, fino agli acquisti necessari per il lavoro di tutti i giorni. ''Le risorse - ha detto Profumo - passano dai 200 milioni di euro dello scorso anno ai 240 di quest'anno, con un aumento del 33%. E queste risorse – ha aggiunto - saranno distribuite in tempi adeguati, tra il 4e il 12 settembre e tra l’8 e il 12 gennaio''.

Il ministro dell’Istruzione, in video collegamento con l'istituto Ettore Majorana di Brindisi ha voluto ricordare la ragazza Melissa uccisa nell'attentato della scorsa primavera alla scuola Falcone e Morvillo.”Credo che tutti - ha detto Profumo - vogliamo trasferire la nostra vicinanza alla comunità della scuola brindisina. Questo sarà un inizio d'anno in cui ci mancherà molto Melissa e avremo sempre un pensiero per tutte le sue compagne che non meritavano quello che è successo''.



Ultima Modifica: 13 settembre 2012, 15:42