Contenuti della pagina

Speciale di Radio1 sulla visita del Papa nella città francese

Francesco a Strasburgo per parlare all’Europa
Napolitano: le sue parole infonderanno fiducia

All’arrivo il Santo Padre è stato accolto dal presidente dell’Europarlamento, Martin Shulz. Durante il volo Bergoglio, discorrendo con i giornalisti al seguito, ha detto parlando del programma del viaggio: “Spero che non sia troppo faticoso: poco tempo, troppe cose, ma nel rientro potremo parlare un po’”. Due i discorsi ufficiali previsti: uno al Parlamento Ue, l’altro al Consiglio d’Europa

Papa Francesco sull'aereo in volo verso Strasburgo (foto Ansa)
STRASBURGO -

Il Papa è a Strasburgo, dove visiterà le istituzioni comunitarie: prima il discorso all'Europarlamento - 26 anni fa quello di Giovanni Paolo II - poi al Consiglio d'Europa. Ad accoglierlo il presidente dell’Europarlamento, Martin Shulz. Al centro dei suoi interventi, probabilmente, il tema della crisi economica. Un "tour de force" senza precedenti ("una giornataccia" scherza Francesco sull'aereo in volo da Fiumicino) che caratterizza il viaggio pontificio più breve della storia, Papa Francesco saluta i giornalisti. "Ringrazio voi, questa compagnia. Spero che non sia troppo faticoso: poco tempo, troppe cose, ma nel rientro potremo parlare un po'", promette Bergoglio con un sorriso disarmante. "Vi auguro una bella giornata, una giornataccia", dice agli inviati con un po' d'ironia.

"Santità desidero farle pervenire il mio più sentito ringraziamento per il messaggio che ha voluto indirizzarmi nel momento in cui si accinge a partire per Strasburgo. Sono certo che i suoi interventi presso il Parlamento Europeo ed il Consiglio d'Europa infonderanno nuova fiducia a coloro che, nel pieno di una crisi che non è solo economica e finanziaria, ma anche sociale e morale, faticano a coltivare la speranza di un futuro migliore". E' quanto scrive il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, nel messaggio inviato a papa Francesco, in occasione della visita del Pontefice al Parlamento Europeo e al Consiglio d'Europa.

"Confido che, a fronte delle incertezze e delle difficoltà di questi anni, le sue parole sapranno stimolare anche nelle istituzioni europee - aggiunge il Capo dello Stato - un'attenta e quanto mai necessaria riflessione sui valori e sugli ideali che furono alla base del progetto europeo e che devono oggi guidarci nella costruzione di un continente più coeso e in grado di svolgere una positiva azione a favore della pace, dello sviluppo e di una sempre maggiore solidarietà. Con questo auspicio, mi è gradita l'occasione per rinnovarle i sensi della mia profonda stima e considerazione".



Ultima Modifica: 25 novembre 2014, 11:14