I personaggi di Rai Tre

Luciana Littizzetto

Luciana Littizzetto, la spina nel fianco di Fabio Fazio. E’ suo l’elzeviro della domenica di che tempo che fa. Più che un’opinione, un pretesto per distruggere l’amico conduttore…

 

Attrice e autrice, Luciana Littizzetto è nata a Torino, la città in cui vive. Diplomata in pianoforte al Conservatorio e laureata in Lettere, si è dedicata per nove anni all’insegnamento della musica nelle scuole medie. Frequenta poi la scuola di recitazione dell’Istituto d’Arte e Spettacolo e comincia la carriera di doppiatrice e autrice di testi per i primi spettacoli: Lacrime, Sogni e Sesso e Videobox con cui vince il premio Ettore Petrolini.

 

Nel 1992 fa la prima apparizione in Avanzi (Raitre), per poi portare sui palcoscenici di tutta Italia il suo Parlami d’amore Manù; quindi partecipa come autrice alla quarta edizione del festival di Sanscemo e come Sabrina è tra gli ospiti fissi di Cielito lindo (Raitre), condotto da Claudio Bisio e Athina Cenci. Pubblica L’agenda di Minchia Sabbry con le avventure del suo personaggio più noto.

 

Per Raitre partecipa a Letti gemelli con Oreste De Fornari e Gloria De Antoni e TV cumprà con Michele Mirabella e Tony Garrani; nella stagione 95-96 è la protagonista della commedia Glada (Radiodue), conduce quindi Single (Radiodue) con Bruno Gambarotta, programma del quale è anche coautrice, poi per Italia 1 è in Facciamo cabaret e in Ciro - il figlio di Target con Gaia De Laurentiis, i Cavalli Marci e Enrico Bertolino. Debutta anche nel cinema in Tutti giù per terra di Davide Ferrario, e Tre uomini e una gamba di e con Aldo, Giovanni e Giacomo.

 

Nel 1998 comincia la presenza a Mai dire gol e, con l’inizio dei mondiali, a Mai dire gol-Francia ‘98 è l’inviata molto speciale che visita i ritiri delle squadre avversarie dell’Italia; nella ripresa presenta nuovi personaggi come la bella del paese e la pianista Nives. Inizia anche a scrivere una rubrica settimanale su Torinosette, l’inserto di spettacolo e cultura de La Stampa. Esce il secondo libro Ti amo bastardo. Del settembre 2000 è il film E allora mambo di Lucio Pellegrini e Fabio Bonifacci. In questi anni propone vari spettacoli in tutta Italia: Parlami d’amore Manù, Recital e Bella di notte, racchia di giorno.

 

Nella stagione televisiva 00-01 è ospite fissa di Fabio Fazio a Quelli che il calcio (Raidue). Scrive e recita su Radiodue Rai lo sceneggiato comico Le parole che non ti ho chiesto. Il terzo libro Sola come un gambo di sedano (Mondadori 2001) vende oltre un milione di copie; è co-sceneggiatrice e protagonista del film Ravanello pallido per la regia di Gianni Costantino. Da gennaio 2002 conduce con Paoletta il programma radio La bomba su Radio Deejay.

 

Pubblica la La principessa sul pisello (Mondadori 2002) che ottiene un successo persino superiore al precedente.Ospite ad alcune puntate del programma Mai dire domenica (Italia1), è co-sceneggiatrice e protagonista di Se devo essere sincera per la regia di Davide Ferrario. Dal 2004 il suo programma radiofonico La bomba diventa un quotidiano. Fa parte del cast di Super Ciro (Italia1). Mentre i suoi libri vengono pubblicati in Portogallo, Spagna, Germania, Ungheria, Russia, Repubblica Ceca e Lituania, esce Col Cavolo, terzo e ultimo capitolo della Trilogia della verdura. E' al cinema in Manuale d’amore di Giovanni Veronesi insieme a Carlo Verdone, Margherita Buy e Sergio Rubini.

 

Dal 2005 è ospite fissa, ogni domenica sera, a chetempochefa

Guida programmi

    Rai.it

    Siti Rai online: 847