Radio3 Suite

La voce come medium

  • Andato in onda:15/01/2008
  • Visualizzazioni:

Il ventriloquo - è una cosa che abbiamo appreso da bambini - produce una voce dissociata, la cui fonte rimane invisibile all'ascoltatore. E questo vale anche per i mezzi di comunicazione che abbiamo chiamato "di massa" in passato e che ci ostiniamo a definire tali anche nell'epoca attuale, quando questa qualifica comincia a star loro stretta. E vale davvero per tutti i mezzi di comunicazione che segnano la modernità: tv, radio, cinema, telefono e web. Da questa semplice constatazione parte il ragionamento portante di questo articolatissimo studio di Steven Connor, docente di Modern Literature and Theory al Birkbeck College di Londra e autore di fondamentali studi su Dickens, Joyce e Beckett. Un saggio articolatissimo e amplissimo in virtù del fatto che Connor fa partire la propria storia della voce interna e dissociata dalle origini greche e romane (oracolari), passando per i posseduti, i mistici e le streghe fino ad approdare quindi ai nuovi mezzi di comunicazione. La possibilità, la capacità di parlare con una voce dissociata ha attraversato tutta la storia dell'umanità e trova oggi nuovi lidi. In questa considerazione sta la vera attualità di questo libro e l'importanza di poter disporre della sua traduzione in italiano. La voce che abita l'animo umano è la protagonista indiscussa di queste pagine che diventano insospettabilmente utili a molti (studiosi di letteratura, di nuovi media, poeti, registi, attori, giornalisti ecc.) per capire i meccanismi che spiegano il funzionamento della voce interna, per provare a dire un perché al fascino che continua ad esercitare. Il ventriloquo non è quindi (non lo è mai stato, ma non è scontato che questo si sappia) quel fenomeno da circo, magari con un pupazzo in mano, che abbiamo conosciuto da bambini. In effetti, la parola stessa, con quell'esplicito rimando al ventre, si propone alla nostra riflessione in tutto il suo viscerale insediarsi nella storia dell'uomo e della sua corporalità. A parlare con Stefano Catucci di questa interessante pubblicazione dell'Editore Sossella sono intervenuti Alberto Abruzzese, Sociologo della Comunicazione, Corrado Bologna, docente di Filologia romanza, e , docente di Letterature comparate, poeta e saggista.

[an error occurred while processing this directive]

Vuoi rivedere o riascoltare un altro programma?

Commenti

Riduci
Navigazione alternativa dei video correlati