[an error occurred while processing this directive]

Contenuti della pagina

Archivio

29 AGOSTO - PROCREAZIONE ASSISTITA. UN’ALTRA BOCCIATURA DELLA LEGGE 40.

Nuovo “no” alla legge 40 della Corte Europea di Strasburgo che, accogliendo il ricorso di una coppia italiana portatrice sana di fibrosi cistica, la ha giudicata in conflitto con la Convenzione Europea sui Diritti dell’Uomo nella parte in cui si nega ai futuri genitori di accedere alla diagnosi preimpianto degli embrioni. Un’altra incoerenza riguarda poi il conflitto con un’altra normativa dell’ordinamento italiano, la 194 sull’aborto terapeutico. Una legge, la 40, sopravvissuta nel 2005 al referendum abrogativo che non raggiunse il quorum, ma che venne ripetutamente cambiata, nei fatti, da un susseguirsi di sentenze e dalle linee guida del Ministro Turco, governo Prodi, nel 2008. Una sentenza, quella di Strasburgo, che per i prossimi tre mesi almeno, il tempo concesso per i ricorsi delle parti, non produrrà alcun cambiamento ma che ci offre la possibilità di riaprire il confronto sulla normativa che in Italia limita, più che in molti altri paesi europei, la possibilità di ricorso alla fecondazione in vitro. Partecipano il direttore del Centro di Ateneo di Bioetica dell’Università Cattolica di Milano Adriano Pessina, il ginecologo Carlo Flamigni, membro del Comitato Nazionale di Bioetica, il costituzionalista Filippo Vari e quattro parlamentari: Emma Bonino, Radicali, Eugenia Rocella, PDL, Livia Turco, PD e Paola Binetti dell’UDC.

Ultimi media:

/dl/RaiTV/programmi/liste/ContentSet-9d465ba5-2bf3-496f-9877-f6e0e9e39974-A-0.html
[an error occurred while processing this directive]