header Rai Cinema Channel Rai Cinema Facebook Twitter

Rai Cinema

Club - Sfrattato cerca casa equocanone

  • Durata:01:27:00
  • Andato in onda:04/11/2014
  • Visualizzazioni:

SFRATTATO CERCA CASA EQUO CANONE di Pier Francesco Pingitore – I – 1983 – 90’ Con PIPPO FRANCO, ANNA MAZZAMAURO, GIGI REDER, BOMBOLO Ci mancava solo lo sfratto per la famiglia Stroppaghetti. Mario (Franco) fa già i salti mortali per sbarcare il lunario col suo mestiere di sarto, un lavoro che porta a termine con la stessa grazia e precisione che potrebbe avere un boscaiolo nel tagliare un diamante; di non grande aiuto è la sua famiglia a cominciare da quell’isterica di Angelica (Mazzamauro), sua moglie, la quale spinta dalla crisi economica, ma probabilmente anche dallo scarso sex appeal del marito, le tenta tutte per sedurre il sor Maciste (Bombolo), macellaio di quartiere con un discreto conto in banca e cliente di Mario. Persa ogni speranza di poter rimanere nella sua casa, Mario si mette alla ricerca di una nuova dimora, ma come lui ci sono decine e decine di sfortunati in attesa di ricevere dall’amministrazione comunale capitolina un’abitazione a equo canone. Mario tenta quindi una scorciatoia corrompendo il dottor Pellecchia (Reder), funzionario del catasto il quale, senza farsi troppi scrupoli e con la prospettiva di intascare una mazzetta, propone a Mario un appartamento nel nuovissimo e moderno quartiere di Corviale. Casa dolce casa? Ha preso di peso il cast del Bagaglino e lo ha portato su un set cinematografico: questo è quello che ha fatto Pingitore. Nel film infatti è forse più facile identificare chi della sua compagnia di varietà è assente, che il contrario: Oreste Lionello, Maurizio Mattioli, Martufello e poi via via Enzo Cannavale, Marisa Merlini e altri ancora. La comicità è di lana grossa, del resto il regista calabrese non ha mai preteso di ispirarsi a quella di Woody Allen; per la trama invece Pingitore deve aver pensato a “Totò cerca casa”, film del 1949 in cui ha recitato la Merlini, adattandola ai primi anni Ottanta quando la legge sull’equo canone era da poco in vigore. Una legge verso la quale Pingitore, col suo film, dimostra di avere parecchi dubbi. UMBERTO BERLENGHINI

Sito



Video Correlati

Commenti

Riduci