22/09/2017

Intervista con il prof. VITTORINO ANDREOLI

Intervista con il prof. VITTORINO ANDREOLI


VITTORINO ANDREOLI
Neurologo, psichiatria, studioso del comportamento umano e dei sentimenti oltre che delle comunicazioni non verbali, Vittorino Andreoli è decisamente a suo agio col tema della timidezza. Intervistato nella sua abitazione di Verona, ci aiuta a definire il profilo attuale di questa problematica così sentita in un mondo profondamente segnato dalla competitività. “Il timido e’ una persona dalla ricca interiorita’ che riflette a lungo prima di agire –dice Andreoli- ed e’ sempre bisognoso del confronto con l’esterno, anche quando magari non lo cerca perche’ ha paura.” Secondo l’autore de “L’uomo di vetro” è un grave errore considerare la timidezza o la fragilità un disvalore: “Come un vetro io, psichiatra fragile, tante volte ho corso il rischio di rompermi. Una gracilità che mi ha permesso di capire la fragilità e di rispettarla, di stare attento a non manipolare gli uomini, a non falsificarli. Ho amato persino i frammenti di uomo, mi sono dedicato con pazienza a metterne insieme i suoi pezzi.”

Altri video