Radio3 Suite

Compositori italiani del '900

  • Andato in onda:03/08/2006
  • Visualizzazioni:

«Ogni compositore - sempre e in ogni caso - dà una propria interpretazione della struttura dell'odierna società: compie una scelta attiva o passiva, consapevole o inconsapevole, nei confronti di essa. Egli può essere conservatore o può sottoporsi a un continuo rinnovamento; può battersi in favore d'una palingenesi rivoluzionaria, storica o sociale. Al livello tecnico, linguistico ed espressivo della comunicazione - cioè con piena cognizione della "attualità" - l'uomo-compositore commisura e sceglie la propria partecipazione inventiva e creativa e basa il valore della sua testimonianza in relazione alla realtà del proprio tempo. Il che sta in diretto rapporto col confronto economico-ideologico che caratterizza il tempo stesso». Il ritratto di oggi è dedicato a Luigi Nono, che è stato non soltanto uno dei più importanti compositori della seconda metà del XX secolo, ma anche il più insigne "agitatore morale" della sua generazione di musicisti. Per quarant'anni ha accompagnato a distanza ravvicinata la storia mondiale, sociale e politica, e ha improntato di sé in modo duraturo la storia musicale del suo tempo, in modo del tutto particolare in Italia e in Germania. Anche se si possono individuare tappe ed equilibri diversi nella sua carriera artistica, la coerenza e l'originalità sia musicali che umane di questo compositore veneziano sono del tutto fuori discussione.

[an error occurred while processing this directive]

Vuoi rivedere o riascoltare un altro programma?

Commenti

Riduci
Navigazione alternativa dei video correlati