Cinema

Club - Cassandra Crossing

  • Durata:02:03:00
  • Andato in onda:30/01/2014
  • Visualizzazioni:

CASSANDRA CROSSING di George P. Cosmatos – GB/D/I – 1976 – 130’ Con RICHARD HARRIS, SOPHIA LOREN, BURT LANCASTER, AVA GARDNER Ginevra. La sede dell’OMS è presa da assalto da un gruppo di terroristi, subito affrontati dagli agenti della sicurezza. Nel conflitto a fuoco che ne scaturisce i malviventi hanno la peggio, ma uno di loro riesce a fuggire rimanendo però colpito dal contenuto di alcune provette, andate in frantumi durante la sparatoria. Avvertito dell’accaduto, il colonnello americano Stephen Mackenzie (Lancaster) scatena immediatamente una caccia all’uomo conscio del pericolo che quel terrorista rappresenta, visto che il liquido che lo ha colpito è frutto di studi sulla guerra batteriologica. La situazione precipita quando il fuggiasco sale sul treno Ginevra-Stoccolma. Fra le centinaia di persone presenti sul direttissimo ci sono il noto neochirurgo e virologo Jonathan Chamberlain (Harris), la sua bella ex moglie Jennifer Rispoli (Loren), l’affascinante e ricchissima Nicole Dressler (Gardner), consorte di un famoso industriale di armi. Su ordine di Mackenzie il treno viene fermato presso la stazione di Norimberga, dove salgono numerosi soldati in tenuta da guerra biologica che subito si adoperano per mettere in quarantena il convoglio e i suoi passeggeri. Ora la destinazione non è più Stoccolma ma Ianov, una cittadina della Polonia, nota per avere lungo la sua ferrovia un altissimo ponte a strapiombo su una valle. Si tratta di una struttura fragilissima perché in disuso da vari anni. Reggerà il peso del treno? Cambia il mezzo di locomozione, ma l’immane catastrofe resta la principale protagonista del cinema d’azione degli anni Settanta. Visti i successi al botteghino (stigmatizzati dalla critica più paludata) conseguiti dai vari “Airport”, Carlo Ponti pensò di mescolare le carte in tavola trasferendo storie private e action pura da un aereoporto a una stazione ferroviaria. Per il suo film il produttore magentino riunì un cast a dir poco stellare, includendo naturalmente anche sua moglie la quale, per chi scrive, in “Cassandra Crossing” raggiunge l’apice della sua rinomata bellezza. Dietro la mdp c’è Cosmatos, regista di origini greche nato a Firenze, il quale resterà sempre affezionato all’action. Elencare tutti i restanti celebri attori presenti occorrerebbe una pagina intera, pertanto vi invitiamo a fare una ricerca nel web: non ve ne pentirete. Un’eccezione però va doverosamente fatta per Lee Strasberg che nel film di Cosmatos interpreta Herman Kaplan, l’anziano venditore di orologi, ebreo di origine, disperato all’idea di tornare in Polonia, nei luoghi cioè dove era stato internato nei campi di concentramento nazisti. Nella realtà Strasberg, ucraino di nascita, aveva davvero origini ebraiche, ma per sua fortuna la sua famiglia si trasferì a New York ben prima dell’avvento del nazismo. Agli inizi degli anni Cinquanta Strasberg assunse la direzione dell’Actor’s Studio, fondato solo qualche anno prima da Elia Kazan, carica che mantenne fino alla morte avvenuta una trentina d’anni dopo. Con Strasberg l’Actor’s Studio ha insegnato recitazione a generazioni di straordinari attori e attrici che, menzionarne solo la metà, occorrerebbe ben più dell’intera pagina di cui abbiamo fatto cenno sopra. Scheda a cura di Umberto Berlenghini

Sito

Vuoi rivedere o riascoltare un altro programma?



Guarda altri contenuti di:


Navigazione alternativa dei video correlati