Sfide

Il coraggio e la libertà

  • Durata:00:54:21
  • Andato in onda:03/07/2009
  • Visualizzazioni:

Comandi da tastiera per il lettore multimediale

  • [Shift + P] Play / Pausa
  • [Shift + S] Stop
  • [Shift + F] Fullscreen
  • [Shift + C] Sottotitoli (se presenti)
  • [Shift + M] Mute
  • [Shift + Freccia Su] Alza il volume
  • [Shift + Freccia Giù] Abbassa il volume
  • [Shift + Freccia Destra] Avanti veloce
  • [Shift + Freccia Sinistra] Indietro veloce

Oggi raccontiamo cinque storie dove il coraggio e la necessità di essere liberi diventano la luce che guida alcuni atleti a compiere imprese incredibili anche al di là dello sport. E' il caso di sei atleti iraniani che hanno dimostrato al mondo intero il coraggio delle proprie idee, indossando dei braccialetti verdi, in segno di appoggio al movimento anti-governativo di Mir-Hossein Mousavi, durante la partita contro la Corea del Sud, valida per le qualificazioni mondiali. Hanno sfidato il potere e potrebbero avere gravi ripercussioni sulle loro vite. Ripercussioni vissute in prima persona dalla pallavolista cubana Tay Aguero, che fuggita da Cuba per poter giocare liberamente in Italia, non è potuta tornare in patria per assistere la madre in punto di morte. E’ anche il caso di Ragip e Halime Berhami che, con due figli piccoli, hanno trovato il coraggio di abbandonare un Kosovo minacciato dalle milizie serbe, per rifugiarsi in Svizzera. Uno dei loro figli è Valon Berhami, fortissimo giocatore che fino all’anno scorso militava nella Lazio. E ancora, il coraggio degli atleti della nazionale Irachena. Nonostante la guerra civile tra etnie curde, sciite e sunnite, nel 2007, hanno lottato e sconfitto avversari durissimi, laureandosi campioni d’Asia dimostrando alla loro gente il coraggio di sognare un Iraq libero e in pace. E' il coraggio di essere eroi, anche senza fucili

Sito

Vuoi rivedere o riascoltare un altro programma?

Commenti

Riduci
Navigazione alternativa dei video correlati