Rai.tv

Portale Rai

“Bologna, 2 agosto 1980. La strage”

A 30 anni dalla strage del 2 agosto della stazione di Bologna, Giovanni Minoli ricostruisce attraverso interviste, fra gli altri a Stefano Sparti, il figliodi Massimo Sparti, il principale accusatore di Valerio Fioravanti e Francesca Mambro nel processo per la strage, l’attentato italiano più tragico e sanguinoso della storia d’Italia, che lascia interrogativi ancora aperti, di quello che è davvero successo quel sabato d’agosto a Bologna. Fra gli intervistati, Paolo Giovagnoli, il magistrato che di recente si è occupato della strage di Bologna, Francesco Cossiga e Paolo Bolognesi, Presidente dell’Associazione dei Familiari delle Vittime della Strage, oltre a numerosi superstiti e parenti di vittime. Sono le ore 10.25 quando nella sala d'aspetto della stazione ferroviaria esplode un ordigno contenuto in una valigia abbandonata, uccidendo ottantacinque persone, ferendone oltre duecento. Tra presunte rivendicazioni e smentite per la magistratura esiste una sola ed unica pista: quella della destra eversiva, con a capo Valerio Fioravanti, per colpire al cuore Bologna la rossa

La storia siamo noi
“Bologna, 2 agosto 1980. La strage”
A 30 anni dalla strage del 2 agosto della stazione di Bologna, Giovanni Minoli ricostruisce attraverso interviste, fra gli altri a Stefano Sparti, il figliodi Massimo Sparti, il principale accusatore di Valerio Fioravanti e Francesca Mambro nel processo per la strage, l’attentato italiano più tragico e sanguinoso della storia d’Italia, che lascia interrogativi ancora aperti, di quello che è davvero successo quel sabato d’agosto a Bologna. Fra gli intervistati, Paolo Giovagnoli, il magistrato che di recente si è occupato della strage di Bologna, Francesco Cossiga e Paolo Bolognesi, Presidente dell’Associazione dei Familiari delle Vittime della Strage, oltre a numerosi superstiti e parenti di vittime. Sono le ore 10.25 quando nella sala d'aspetto della stazione ferroviaria esplode un ordigno contenuto in una valigia abbandonata, uccidendo ottantacinque persone, ferendone oltre duecento. Tra presunte rivendicazioni e smentite per la magistratura esiste una sola ed unica pista: quella della destra eversiva, con a capo Valerio Fioravanti, per colpire al cuore Bologna la rossa

29/07/2010

Comandi da tastiera per il lettore multimediale

  • [Shift + P] Play / Pausa
  • [Shift + S] Stop
  • [Shift + F] Fullscreen
  • [Shift + C] Sottotitoli (se presenti)
  • [Shift + M] Mute
  • [Shift + Freccia Su] Alza il volume
  • [Shift + Freccia Giù] Abbassa il volume
  • [Shift + Freccia Destra] Avanti veloce
  • [Shift + Freccia Sinistra] Indietro veloce
Navigazione alternativa dei video correlati
Navigazione alternativa dei video correlati

Rai.it

Siti Rai online: 847