header Rai Cinema Channel Rai Cinema Facebook Twitter

Rai Cinema

Club - Blood and wine

  • Durata:01:35:00
  • Andato in onda:06/08/2014
  • Visualizzazioni:

BLOOD & WINE di Bob Rafelson – USA/GB – 1996 – 100’ Con JACK NICHOLSON, MICHAEL CAINE, JENNIFER LOPEZ, STEPHEN DORFF Alex Gates (Nicholson) è un commerciante al dettaglio di alcolici nel pieno di una crisi finanziaria. Grazie al suo lavoro, Gates è spesso in contatto con persone molto ricche: ecco quindi affacciarsi in lui l’idea del colpo perfetto che gli consentirebbe di risolvere i suoi problemi. Con l'aiuto di Victor Spansky (Caine), suo vecchio amico, Gates ruba una collana di diamanti del valore di alcuni milioni di dollari a un suo cliente. Al furto partecipa anche Gabriela (Lopez), governante del derubato, una splendida sudamericana amante di Gates. Le cose iniziano a complicarsi quando la moglie di Gates scopre non soltanto il crimine commesso dal marito, ma anche il suo tradimento. A far precipitare il tutto è Jason (Dorff), figliastro di Gates il quale, all’oscuro della relazione fra il suo patrigno e Gabriela, si innamora di quest’ultima. Inevitabile la resa dei conti. Presentato in anteprima nazionale al Noir in Festival di Courmayeur, “Blood & Wine” conferma l’ottimo sodalizio che Nicholson e Rafelson avevano iniziato con “Sogni perduti”, esordio del regista datato 1968, dove l’attore newyorkese compare non accreditato, per proseguire con il leggendario dittico “Cinque pezzi facili” e “Il re dei giardini di Marvin” e i successivi “Il postino suona sempre due volte”, “La gatta e la volpe”. Grande prova di Caine il quale, a dispetto dell’orribile tinta dei suoi capelli, ci regala una delle sue tante prove di grande attore che gli ha consentito di vincere il primo premio al Festival di San Sebastian; a proposito del cast, doverosa citazione va anche a Judy Davis che qui è Suzanne, moglie di Gates. Maestro del noir, Rafelson confeziona un film dalle torbide atmosfere immerse nel clima torrido della Florida dove è in gran parte girato, chiudendo così la sua personale trilogia dedicata alla famiglia media americana, iniziata proprio con il dittico di cui sopra. Filmandone la sua definitiva decomposizione. UMBERTO BERLENGHINI

Sito



Video Correlati

Commenti

Riduci