TGR Ambiente Italia del 07/03/2015

AMBIENTE ITALIA, L’ARIA MALATA CRONICA Polveri sottili, monossido di carbonio, ozono, ossidi di azoto. Sono questi gli inquinanti che oggi avvelenano l’aria delle aree metropolitane europee. Ma è il nostro Paese a detenere il primato dei danni alla salute: l’Italia ha il più alto numero di morti premature per inquinamento da ozono, mentre è al secondo posto per le vittime da polveri sottili, preceduta solo dalla Germania. Di qualità dell’aria e delle conseguenze sulla salute dei cittadini si parla ad “Ambiente Italia”, il settimanale verde della Tgr curato e condotto da Beppe Rovera, in onda sabato 7 marzo alle 12.55 su Rai3. Questa settimana, per ricordare la Giornata della donna, gli ospiti sono al femminile: Maria Cristina Saccuman, ricercatore al San Raffaele di Milano, studiosa dell’impatto dell’inquinamento sulla salute soprattutto dei più piccoli; Cristina Pronello, ingegnere, docente al Politecnico di Torino, esperta in sistemi di mobilità in tutto il mondo; Iaia Forte, da sempre impegnata in temi ambientali a fianco del Fai.  Il viaggio nell’Italia “maglia nera” dello smog parte da Milano, dove si è già superata la soglia massima degli inquinanti nell’aria per il trentaseiesimo giorno dall’inizio dell’anno, uscendo dalla “zona franca” consentita dall’Unione Europea. Si passa da Roma dove la giunta Marino, ha recuperato la “cura del ferro” di rutelliana memoria, un accordo con Ferrovie e Regione per un intervento integrato di mobilità nella capitale. Per arrivare a Napoli dove si sta affrontando il problema dello smog con progetti infrastrutturali, come la nuovissima metropolitana che presenta però una serie di criticità.  Da Vicenza, il caso di Anna Dukic, l’imprenditrice di Vicenza che ha messo a punto un dispositivo anti-particolato che non riesce a omologare per l’opposizione della grande industria. In apertura di puntata le immagini del documentario “Under the Dome”, firmato da Chai Jing, che racconta gli effetti e i danni dell’inquinamento atmosferico che offusca i cieli di tante metropoli cinesi, visualizzato on line da oltre cento milioni di persone in due giorni. In studio, gli studenti dell’Istituto Professionale Ciofs di Milano che hanno elaborato progetti di sostenibilità con l’università Bicocca.

07/03/2015 Tematica:TGR_MHP^Tematica:TGR^Tematica:News^Tematica:NoBanner^Tematica:Ambiente Italia^ /dl/images/105x791331050608224ambienteitalia.jpg 0 ContentItem-1499925e-d36f-40f4-b3a9-9699a1735e46 ContentSet-bb2f0087-77a2-48b1-b157-334c6e685225 PublishingBlock-11a4cf50-c5e0-4a26-a585-da9e8af4a3c3 Page-add0aca6-7644-451d-93e2-9ce7d2e69806 25-04-2015 16:56
23/09/2017

Notizie TGR:

Ambiente Italia

TGR Ambiente Italia del 07/03/2015

Comandi da tastiera per il lettore multimediale

  • [Shift + P] Play / Pausa
  • [Shift + S] Stop
  • [Shift + F] Fullscreen
  • [Shift + C] Sottotitoli (se presenti)
  • [Shift + M] Mute
  • [Shift + Freccia Su] Alza il volume
  • [Shift + Freccia Giù] Abbassa il volume
  • [Shift + Freccia Destra] Avanti veloce
  • [Shift + Freccia Sinistra] Indietro veloce

Andato in onda il: 07/03/2015

AMBIENTE ITALIA, L’ARIA MALATA CRONICA Polveri sottili, monossido di carbonio, ozono, ossidi di azoto. Sono questi gli inquinanti che oggi avvelenano l’aria delle aree metropolitane europee. Ma è il nostro Paese a detenere il primato dei danni alla salute: l’Italia ha il più alto numero di morti premature per inquinamento da ozono, mentre è al secondo posto per le vittime da polveri sottili, preceduta solo dalla Germania. Di qualità dell’aria e delle conseguenze sulla salute dei cittadini si parla ad “Ambiente Italia”, il settimanale verde della Tgr curato e condotto da Beppe Rovera, in onda sabato 7 marzo alle 12.55 su Rai3. Questa settimana, per ricordare la Giornata della donna, gli ospiti sono al femminile: Maria Cristina Saccuman, ricercatore al San Raffaele di Milano, studiosa dell’impatto dell’inquinamento sulla salute soprattutto dei più piccoli; Cristina Pronello, ingegnere, docente al Politecnico di Torino, esperta in sistemi di mobilità in tutto il mondo; Iaia Forte, da sempre impegnata in temi ambientali a fianco del Fai.  Il viaggio nell’Italia “maglia nera” dello smog parte da Milano, dove si è già superata la soglia massima degli inquinanti nell’aria per il trentaseiesimo giorno dall’inizio dell’anno, uscendo dalla “zona franca” consentita dall’Unione Europea. Si passa da Roma dove la giunta Marino, ha recuperato la “cura del ferro” di rutelliana memoria, un accordo con Ferrovie e Regione per un intervento integrato di mobilità nella capitale. Per arrivare a Napoli dove si sta affrontando il problema dello smog con progetti infrastrutturali, come la nuovissima metropolitana che presenta però una serie di criticità.  Da Vicenza, il caso di Anna Dukic, l’imprenditrice di Vicenza che ha messo a punto un dispositivo anti-particolato che non riesce a omologare per l’opposizione della grande industria. In apertura di puntata le immagini del documentario “Under the Dome”, firmato da Chai Jing, che racconta gli effetti e i danni dell’inquinamento atmosferico che offusca i cieli di tante metropoli cinesi, visualizzato on line da oltre cento milioni di persone in due giorni. In studio, gli studenti dell’Istituto Professionale Ciofs di Milano che hanno elaborato progetti di sostenibilità con l’università Bicocca.

  • In onda



    Sabato, Rai 3, ore 12.55

    Ambiente Italia - scrive Aldo Grasso nella Enciclopedia della televisione pubblicata da Garzanti - è una delle poche rubriche che possono vantare il marchio di garanzia del servizio pubblico. In onda dal 1990, si propone di raccontare agli italiani come sta un Paese troppo spesso minacciato dall’incuria e dal malaffare, ma anche ricco di uno straordinario patrimonio naturale e culturale, che merita di essere difeso e valorizzato. In onda tutti i sabati dallo studio TV6 del centro di produzione RAI di Torino, Ambiente Italia propone inchieste, riflessioni e confronti realizzati con la collaborazione di tutte le redazioni regionali della TGR. Un ospite in studio sempre diverso dialoga con la conduttrice Alessia Mari sui temi della puntata, che è chiusa da un breve notiziario ambientale. Attraverso la mail ambiente_italia@rai.it e la pagina Facebook Rai Ambiente Italia la redazione prosegue quel dialogo con gli spettatori che è da sempre una degli elementi caratterizzanti della trasmissione.

  • Redazione



    A cura di: Battista Gardoncini e Beppe Rovera

    In redazione: Daniele Cerrato, Laura de Donato, Cinzia Di Cianni, Alberto Gedda, Alessia Mari, Maurizio Menicucci, Claudia Pregno, Silvia Rosa Brusin

    In segreteria: Marino Baruffa, Giuliana Fiscante

    Regia di: Carlo Vergnano

    Assistente alla regia: Fabio Irato

    Assistente al programma: Simona Bertinetti

    ambiente_italia@rai.it
    www.facebook.com/RaiAmbienteItalia

Archivio video