[an error occurred while processing this directive]

Contenuti della pagina

Archivio

Eta Beta del 20/11/2014 - La casa connessa al web
20 novembre 2014

Termostati che scaldano la casa a seconda delle abitudini degli occupanti e le previsioni del tempo. Elettrodomestici che mandano messaggi quando manca qualcosa nel frigo o quando c'è una perdita di gas. Sensori che annaffiano le piante quando il vaso è asciutto. Sono alcune delle idee della casa intelligente, su cui si stanno scatenando gli investimenti dei grandi marchi dell'elettronica e dei giganti della tecnologia come Google. E proprio l'appartamento connesso, la smart home, è il tema di cui si occupa la nuova puntata di Eta Beta.
In occasione della prima Smart home Hackatonla, in programma a Torino nel fine settimana, la gara tra giovani innovatori chiamati a realizzare sistemi tecnologici per i nostri appartamenti, occhi puntati dunque su tutte le principali novità del settore: i progetti, le idee, i problemi legati alla privacy, le opportunità di lavoro, il futuro dell'internet delle cose. 
Intervengono: Fabio Bellifemine, organizzatore della competizione e presidente di Energy@home, l'associazione che raggruppa 22 marchi dell'elettronica e delle telecomunicazioni, che lavorano insieme per creare stardand comuni sulla casa intelligente; Marco Bestonzo, ideatore di Intoino, sistema per collegare a internet qualsiasi oggetto della casa, in modo da poterlo controllare a distanza, senza alcuna competenza tecnica particolare; Christian Camarda, responsabile di Midori, ideatore di strumenti innovativi di smart metering e di analisi sui consumi energetici rivolti ad aziende e privati; Daniela Mililli, responsabile italiana di Tado, la piccola centralina per controllare la temperatura domestica attraverso il telefonino, risposta tedesca a Nest, il termostato creato dal papà dell'iPod Tony Fadell, acquistato a peso d'oro da Google.

Ultimi media:

/dl/RaiTV/programmi/liste/ContentSet-b7696a1c-696d-4d9b-82e7-adb4e2220239-A-6.html
[an error occurred while processing this directive]