[an error occurred while processing this directive][an error occurred while processing this directive]

Il buongiorno di Twilight del 17/05/2011

slcontent

Prosegue il nostro viaggio nel folk con un gruppo molto legato alle tradizioni del Sud e alle leggende della Frontiera, nonostante fosse di origine canadese. Stiamo parlando della Band, quintetto celebre anche per aver accompagnato Bob Dylan nel tour mondiale del 1966.

the band

IL DISCO DEL GIORNO
"Up On Cripple Creeck", The Band, da "The Band" del 1969, Capitol
Ancora folk a Twilight, oggi. Parliamo di un gruppo, The Band, quintetto originario del Canada, che ha unito lo spessore della canzone d'autore al rock delle origini e della Frontiera. Dopo aver lavorato con bluesmen del calibro di Sonny Boy Williamson e John Hammond jr., conquistano le luci della ribalta, accompagnando Bob Dylan nel mitico tour del 1966, ma, soprattutto, lavorando con lui alle celebri "Basement Tapes". Dopo essersi affrancati dal menestrello di Duluth, Robbie Robertson, Garth Hudson, Richard Manuel, Rick Danko, Levon Helm provano la carriera autonoma, forti di una lunga esperienza insieme, iniziata nei primi anni 60. "Music From The Big Pink", album del 1968, è una maestosa rassegna sulle radici della musica americana, un lavoro che anticipa, di vent'anni, il roots rock, suonato da musicisti di grande levatura. Ma è il secondo disco, "The Band" del 1969, dominato dalla scrittura di Robertson, a far esplodere la Band-mania, con il gruppo che occupa pagine, spazi radio e chiacchiere dei fan tanto quanto i Beatles e i Rolling Stones. Un capolavoro, un'emozionante panoramica su oltre un secolo di American Music, tra paesaggi rurali, Vecchia Frontiera, Selvaggio West, musica nera, ragtime e gospel. I pezzi sono di grande impatto come dimostra il successo in classifica di "Up On Cripple Creek" e "The Night They Drove Old Dixie Down" (quest'ultimo finisce anche nelle mani di Joan Baez che ne fa una sua versione). Questa super-band, però, evaporerà presto, travolta dal fiume di fama, denaro e stravizi che ne corroderà, dall'interno, la spinta etica e artistica.

gotham polaroid

IL LIBRO DEL GIORNO
"Gotham Polaroid", Francesco Cortonesi, Lupo Editore, pp. 238
Come tutte le grandi città, Gotham è ricca di storie e leggende, alcune reali, altre meno. Tra le sue strade, tra i suoi palazzi, sulla sua spiaggia si consumano ogni giorno grandi e piccole tragedie. Una ragazza che viene trovata morta, un ragazzo che deve girare un film sulla sua città, un vecchio poliziotto in pensione e un detective privato che cercano un serial killer che sogna scarafaggi, una donna che scopre di avere una rara malattia, un uomo depresso che…
Su tutti Charlie, voce di Radio Gotham che, come Lupo Solitario di "American Graffiti", ci guida tra le storie e le strade di Gotham, con la sua voce, le sue canzoni, il suo amore per la città.
Questo non è un romanzo tradizionale. È un concept book. Si può leggere come si crede. Si può aprire a caso, o partire dalla prima pagina per arrivare giù, giù fino all'ultima, se si ha voglia.

 

 

Torna al sito del programma