[an error occurred while processing this directive][an error occurred while processing this directive]

Il buongiorno di Twilight del 03/10/2011

slcontent

Arriva a due anni di distanza da "L'amore non è bello". Parliamo di "Io tra di noi", il nuovo album di Giuseppe Peveri, meglio conosciuto come Dente. Nel corso della settimana ascolteremo in esclusiva un po' di brani del disco, in uscita il prossimo 11 ottobre. 

dente

IL DISCO DEL GIORNO
"Io tra di noi" (2011), Dente, Ghost Records
La passione per i giochi di parole, i calembour ironici, le suggestioni agrodolci. Sono i tratti distintivi di Dente, l'artista emiliano che con il precedente "L'amore non è bello", del 2009, si era guadagnato il titolo di nuova stella nascente dell'indie italiano. Ora torna con "Io tra di noi", suo quinto album; 12 nuove tracce, dove ritroviamo riflessioni in punta di penna su sentimenti e relazioni, figure femminili e scambi amorosi lontani dai cliché. Canzoni che fanno assaporare piccole verità, che mischiano profondità e leggerezza; giochi di suoni e parole, e la bellezza amara delle nostre esistenze raccontata con la solita arma dell'ironia. Il disco arriva dopo ben due anni di concerti con una band fissa e per Dente, abituato sin dall'inizio a trovare le atmosfere giuste nell'assetto chitarra e voce, equivale a una significativa crescita dal punto di vista compositivo, vocale e strumentale. La produzione è a cura di Tommaso Colliva (Calibro 35, Marta sui Tubi, Muse, Franz Ferdinand e altri); gli arrangiamenti degli archi sono stati curati da Massimo Martellotta, quelli dei fiati da Enrico Gabrielli.

caparros

IL LIBRO DEL GIORNO
"Non è un cambio di stagione. Un iperviaggio nell'apocalisse climatica", Martín Caparrós, Verde Nero, pp. 272
Da alcuni anni, ogni mattina il mondo si sveglia sotto la minaccia di una nuova apocalisse. Per gli ecologisti è rappresentata dal cambiamento climatico. Governi, celebrità, organismi internazionali, grandi corporation, piccole ONG, si sono lanciate nella lotta contro il cambiamento. "Non è un cambio di stagione" è un viaggio nei nove Paesi – Brasile, Nigeria, Niger, Marocco, Mongolia, Australia, Filippine, isole Marshall, Stati Uniti – che stanno maggiormente soffrendo la minaccia climatica. Ma è, soprattutto, una riflessione affilata, uno sguardo provocatorio sulle contraddizioni dell'ecologismo esasperato, dell'ambientalismo che si fa business, del principio che si fa moda. È il mondo degli "ecololò" che Caparrós smaschera con ironia e intelligenza, ridando la parola agli ultimi della Terra e accompagnandoci ai confini del mondo. E lo fa proponendo un genere misto, una cronaca che pensa, un saggio che racconta.

  

 

Torna al sito del programma