(none)

I programmi di (none)

America tra le righe

Dalla New York di Paul Auster e Jonathan Franzen alla L.A. Confidential di James Ellroy, da Jim Harrison a Philip Roth alla scoperta dell’america attraverso le parole dei suoi scrittori più famosi


















Il critico e giornalista francese François Busnel delinea un ritratto appassionato e appassionante dell’America di oggi attraverso le immagini di un viaggio da una costa all’altra del  continente e, soprattutto, attraverso le parole dei suoi scrittori più famosi. Una originale chiave di lettura per raccontare l’America e gli americani.
Dalla New York di Paul Auster e Jonathan Franzen  alla L.A. Confidential di James Ellroy; dalle atmosfere e ai conformismi del Sud alla contro-cultura dei deserti, da Jim Harrison a Philip Roth, tutti esplorano l’evoluzione e le contraddizioni di un paese col quale hanno un rapporto unico e potente.
 
LA MELA
Per scoprire gli Stati Uniti attraverso gli occhi dei suoi scrittori François Busnel inizia il suo viaggio da New York, puntuale riflesso della vastità, dei contrasti e delle diversità della grande America. Attraverso le parole di Paul Auster, Colum McCann, Toni Morrison, Jay McInerney e Jonathan Franzen, il ritratto di una città dove si concentrano la maggior parte dei sogni e dei dubbi a stelle e strisce.
 
NEW ENGLAND
Al Nord-est degli Stati Uniti si estende la regione delle colline, delle praterie, delle montagne e dei laghi, delle fitte foreste e delle spiagge selvagge: il New England. Punto di partenza per questo nuovo episodio è Sagaponack, a Long Island. Diventato leggenda grazie al leggendario romanzo di Francis Scott Fitzgerald Il grande Gatsby, la città è oggi casa di due dei più importanti scrittori contemporanei: Peter Matthiessen e James Salter. Dopo un barbecue con i due autori, François Busnel continua il suo viaggio nel Connecticut dove incontra Philip Roth, il più celebre scrittore americano nel mondo, con il quale discute de la storia recente del paese, dalla vicenda Clinton-Lewinsky fino all'arrivo di Barack Obama.
 
SUDISTI
Grandi piantagioni, ricordi della schiavitù, Ku Klux Klan e fondamentalismo cristiano. Questo è il Sud degli Stati Uniti, anche il luogo dove sono nati il jazz e il blues. François Busnel parte, questa volta, da Fripp Island, Carolina del Sud, per incontrare Pat Conroy. Sarà poi la volta di Memphis, Tennessee, per una chiacchierata con Ace Atkins, prima di partire in macchina per  Oxford, Mississippi, la città di William Faulkner. E' qui che Busnel incontra Tom Franklin e Thomas H. Cook.  Ed è Eddy Harris la guida eccezionale che accompagnerà il conduttore attraverso i quartieri distrutti dall' uragano Katrina di New Orleans. L'ultimo incontro della puntata è con lo scrittore americano d'origine canadese, John Biguenet.
 
GO WEST
François Busnel corre verso ovest. A Princeton, non lontano da New York City, vive la "wonder woman della letteratura americana" Joyce Carol Oates. Autrice di più di 115 libri, vincitrice del National Book Award e del Premio Nobel per la letteratura, continua a esplorare l'animo umano nei suoi aspetti più oscuri, acuta osservatrice della società e della vita politica degli Stati Uniti. A Detroit, il giornalista francese incontra Elmore Leonard per poi proseguire alla volta di Chicago, dove arriverà dopo essersi fermato ad Ann Arbor per capire cosa significa vivere nel Midwest industriale e povero, attraverso il racconto di Laura Kasischke, la penna più promettente della giovane letteratura contemporanea. A Chicago, lo aspetta lo scrittore irlandese Michael Collins, che racconta, con occhio attento, ironico e glaciale, il paese che lo ha accolto. L'America dell'anonima provincia è anche la protagonista dei racconti di Dan Chaon, che descrivono la vita quotidiana delle classi medie. Nel campus universitario di Champaign-Urbana, Richard Powers prova a immaginare quale sarà il futuro del suo paese. Ultima tappa della puntata Minneapolis, dove Busnel ritrova Louise Erdrich, di origine Ojibwe e tedesca, scrittrice indiana di grande successo, che racconta la storia dei popoli indigeni e il loro destino loro riservato.
 
GRANDI SPAZI
Prima tappa in South Dakota, territorio degli ex indiani Sioux e Cheyenne. Tutto evoca il Selvaggio West, i regolamenti di conti tra Desperados e i massacri dei nativi. In un angolo turistico degli Stati Uniti, Cheyenne River, non lontano da Rapid City, abita Dan O'Brien, scrittore e cowboy che vive immerso nella cultura indiana, salvato, come racconta nei suoi romanzi, dai bisonti delle praterie. Dopo una deviazione al famoso Deadwood e al Monte Rushmore, Busnel si ferma a Ucross, Wyoming, per fare visita a Craig Johnson, ex sceriffo di questa cittadina di venticinque anime, che attinge dalla sua esperienza per scrivere. Nei pressi di Yellowstone, Busnel incontra poi Alexandra Fuller, che in 'Una vita da cowboy' ha raccontato la sua storia, il suo viaggio di moglie e di madre da sola a capo di un ranch.
 
CONTROCULTURA
François Busnel entra in territorio Mojave Apache. E' qui che incontra Anne Rice, autrice di "Intervista col vampiro". Nata a New Orleans, la scrittrice ha scelto di allontanarsi da tutto per studiare a fondo la storia e le leggende di questo luogo tagliato fuori dal mondo. Lungo il confine messicano, François esplora la Cactus Valley, in Arizona, dove ritrova Jim Fergus, autore del  bestseller "One Thousand White Women". Sulle orme di Robert Louis Stevenson attraversa poi il deserto fino al Grand Canyon. Poi Las Vegas, la Valle della Morte e la città fantasma di Bodie fino a San Francisco con l'evocativo Golden Gate. Busnel trova Thomas Sanchez, scrittore americano di lingua spagnola e portoghese, che ripercorre l'evoluzione storica della città. La puntata si chiude con uno straordinario incontro nella mitica libreria City Lights, fondata nel 1953 da Lawrence Ferlinghetti, che proprio qui aspetta il giornalista francese per un lungo intermezzo dedicato alla Beat Generation. A 93 anni, l'ex compagno di Jack Kerouac, è l'ultimo rappresentante di una generazione che ha cambiato la nostra storia.
 
CALIFORNIA DREAMING
San Francisco è forse la città che meglio di tutte rappresenta il Sogno Californiano. Francois Busnel si ferma per questo settimo e penultimo appuntamento per conoscere i grandi nomi della letteratura americana del secondo dopoguerra. Dopo Armistead Maupin, autore del celebre San Francisco Chronicle, e nel pieno del Mission District, il giornalista viene accolto dalla coppia di scrittori Vendela Vida e Dave Eggers, attivissimi animatori della scena culturale statunitense in evoluzione. Sulla strada che costeggia il Pacifico, la nostra guida attraversa il Big Sur, la terra di Henry Miller, prima di fermarsi a Santa Barbara, per conoscere T.C. Boyle. A Los Angeles sarà la volta di Sherman Alexie
 
ELLROY CONFIDENTIAL
Il viaggio di Francois Busnel attraverso gli Stati Uniti e la letteratura contemporanea finisce a Los Angeles. L'ultima puntata di Carnets de Route è dedicata allo scrittore più discusso e più amato, James Ellroy, maestro dell'analisi spietata  degli angoli più bui della società americana. Le contestazioni, la megalomania, la confusione politica e le contraddizioni di un paese la cui scena culturale ancora oggi influenza l'Occidente.

(none)

IN ONDA

ARCHIVIO

Tutti i programmi di (none)